I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante ACCETTO presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.


Siamo lieti di annunciare che l'alunna Valentina De Vita (classe 3BD) con la poesia Ulisse è tra le vincitrici al Concorso Premio Nazionale di Poesia Masio Lauretti IV Edizione.

Porgiamo i nostri più vivi complimenti per la brava allieva, di cui riportiamo la poesia!!

ULISSE                 

Cos’è la vita se non un viaggio senza fine?                                                                                          

E’ una breve fiamma                                                                                                                           

che in un attimo divampa e rugge,                                                                                                         

ma l’attimo dopo muore.

È l’orizzonte                                                                                                                                            

che ti sfida a rincorrere i suoi confini                                                                                                 

ma poi precipita e ti inghiotte                                                                                                               

in un rosso tramonto senza fine.

È spuma di mare                                                                                                                                     

che un tempo aveva sembianze di Sirena,                                                                                          

ma che ora infrange sugli aguzzi scogli                                                                                             

tutta l’indomabile collera del mare.

È il Desiderio,                                                                                                                                

unica scintilla che infiamma l’anima dell’uomo                                                                                   

e lo spinge ad andare oltre, fino a superare il velato, impercettibile confine                                      

che separa il possibile dall’impossibile.

È la sola opportunità che abbiamo                                                                                                      

per dare un senso a quest’esistenza troppo breve,                                                                                

e dannato sia chi non coglie questa occasione,                                                                                

perché l’oblio sarà il suo unico posto nella storia.

Ma ahimè quanto è caro il prezzo da pagare                                                                                      

per vivere una vita che lasci davvero il segno:                                                                                                      

è così facile perdersi nella nostalgia del luogo una volta chiamato casa                                      

quando la sera gli occhi si posano sull’immobile stella del Nord.

Se solo si potesse dimenticare                                                                                                         

sarebbe più facile abbandonarsi alle onde                                                                                           

al Destino                                                                                                                                                       

al mare.