I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante ACCETTO presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

logo_pec.jpg

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

PEC è l'acronimo di Posta Elettronica Certificata: e' un sistema di "trasporto" di documenti informatici che presenta delle forti similitudini con il servizio di posta elettronica "tradizionale", cui però sono state aggiunte delle caratteristiche tali da fornire agli utenti la certezza, a valore legale, dell' invio e della consegna (o meno) dei messaggi e-mail al destinatario.

Il termine "certificata" si riferisce al fatto che il gestore del sistema rilascia al mittente una ricevuta che  costituisce prova legale dell' avvenuta spedizione del messaggio ed eventuali allegati. Allo stesso modo, il gestore del destinatario invia al mittente la ricevuta di avvenuta consegna.    

Se il mittente dovesse smarrire le ricevute, la traccia informatica delle operazioni svolte, conservata dal gestore per 30 mesi, consente la riproduzione, con lo   stesso valore giuridico, delle ricevute stesse.

 

A partire dall’01/01/2014, le comunicazioni verso le PEC del Ministero devono avere come mittenti necessariamente una PEC. Pertanto, per scrivere ad una PEC del Ministero occorre essere in possesso di un indirizzo di PEC.

Per quanti volessero dotarsene, si fa presente che è possibile attivare gratuitamente un indirizzo di PEC personale all’indirizzo https://www.postacertificata.gov.it/.

Resta invariata la possibilità di interloquire con tutte le articolazioni ministeriali scrivendo agli indirizzi di posta elettronica ordinaria (che hanno una estensione […]@istruzione.it)

Si sottolinea che con la legge di conversione del cosiddetto “Decreto del Fare”, (art.14) “Misure per favorire la diffusione del domicilio digitale”, ha stabilito che ai fini della verifica della provenienza delle comunicazioni è in ogni caso esclusa la trasmissione di documenti a mezzo fax.